S I L V I A I N F R A N C O
Vai ai contenuti

Menu principale:

w o r k s







ooooooooooo

La ricerca artistica di Silvia Infranco si sviluppa osservando come differenti superfici organiche rispondono ad accadimenti mnemonici. In tale dimensione, diventa primario il rapporto che si innesca tra la superficie indagata e la sua appropriazione razionalmente determinata o affidata ad elementi esterni rispetto ai quali il gesto artistico funge unicamente da elemento di connessione.

Cera, carta, legno compongono superfici che, sottoposte ad appropriazione per stratificazione, o macerazione, o asportazione, o inclusione oggettuale, si impressionano, restituendo allo sguardo nuove scritture, memorie ed immagini. Attraverso questi processi, che conducono ad esiti alchemici e affioramenti segnici, si compone una nuova organicità di superficie che vive attraverso lo strato di impressioni sovrapposte o l’asportazione e la ricomposizione dello stesso strato. In questa ricerca la natura organica dei materiali scelti (siano essi supporto o mezzo di intervento su quest’ultimo) costituisce un elemento molto importante. L’uso della cera, pressoché costante, si connette ad una della principali caratteristiche di questa sostanza, ovvero al suo essere estremamente impressionabile e di memoria, mentre il frequente ricorso all’acqua che interviene, soprattutto, nel processo di macerazione delle carte, assume il significato di elemento connesso alla vita, alla rinascita, ma anche alla morte; l’acqua risana, feconda, purifica, ma anche decompone.

Cera ed acqua sono sostanze che si legano all’affettività primaria, alle esperienze elementari di tatto, di sensibilà al calore, al freddo, o anche all’idea di cancellare o del sigillare. A ciò si associa un particolare interesse per la dimensione del decorso temporale, sia che lo stesso determini accumulo, sia che inneschi macerazione e consunzione. In entrambi i casi, l’uso della cera interviene travali il tempo ora sigillando scritture segniche, ora sospendendo e preservando una superficie ormai fragile per il suo vissuto. L’intento che prevale è quello di arrestare la disgregazione, la cancellazione, preservando una dimensione rarefatta che si allontana dal reale, ma che allo stesso tempo rivive attraverso l’organicità, il movimento, il calore nella cera e nell’acqua insiti ed evocati.

IT

Infranco's artistic research is developed by observing how different organic surfaces respond to mnemonic events. In this dimension, it becomes the primary relationship that is triggered between the surface being investi and its appropriation, which is rationally determined or entrusted to external elements with which the artistic gesture serves only as a connecting element.

Once wax, paper and wood have been subjected to appropriation by stratification maceration, removal, or the inclusion of objects, they become surfaces that convey impressions to you. When you look at them, they evoke new writings, memories and images. Through these processes, leading to significant alchemical and surface results, a new organicity of the surface is pro that lives through the layer of superimposed impressions or the removal and re-composition of the layer itself. In these artistic reserch the organic nature of the materials chosen (whether are the support or applied onto the latter) constitutes a very important element. The almost constant use of wax is connected to one of the main characteristics of this substance, which is its extreme ability to take and hold an impression. The frequent use of water involved, especially in the process of macerating the paper, takes on the meaning of the element connected to life and rebirth, but also to death. Water heals, fertilises and cleanses, but also decomposes.

Wax and water are substances that make a link to primary affectivity, to the elementary expe of touch, of sensitivity to heat and cold, or even to the idea of removing or sealing. This is combined with a special interest in the dimension of the passage of the time, whether this results in accumulation or triggers maceration and consumption. In both cases, the use of wax acts to over time, whether by sealing signs and scriptures, or by suspending and preserving an already fragile sur for its lifetime. The main idea is to stop the disintegration and deletion, preserving a rarefied dimension at a distance from reality. However, at the same time, through its organicity, it relives the movement and the heat that are involved in and evoked by the wax and the water.

   EN

© 2 0 1 7 S i l v i a I n f r a n c o | a l l r i g h t s r e s e r v e d
Torna ai contenuti | Torna al menu